storia della razza

"La storia della razza del Pastore Svizzero Bianco, in breve.

storia della razza

Il Pastore Svizzero Bianco deriva anticamente dalla variante bianca del Pastore Tedesco. Questa variante bianca venne allevata e selezionata da parte di allevatori che intendevano mantenere la morfologia originale del Pastore Tedesco nelle linee di colore bianco;  sia nella mittel-Europa che Oltreoceano. È anche ampiamente documentato che questo cane deriva dal ceppo dei grandi cani bianchi da pastore dell'Europa Centrale, antichissima stirpe di conduttori e di guardiani delle mandrie e del gregge.

Quando divenne necessario trasformare molti pascoli in zone agricole fu sempre più difficile trasportare le greggi nei pascoli senza distruggere i campi coltivati ad orzo, segale e mais. Nel XVII secolo in Germania si cominciò quindi ad utilizzare dei cani ottenuti dall'incrocio dei grandi cani difensori delle mandrie con cani di più piccola taglia che restavano nella fattoria. Da questi incroci, si ottenne un nuovo cane da pastore dall'aspetto lupo-simile, con cranio cuneiforme e con orecchie erette.

Storia della razza

Il 26 novembre 2002 il Pastore Svizzero Bianco, tramite la Fédératíon Cynologíque Internationale, ovvero FCI, è stato riconosciuto ufficialmente come razza sotto il nome di Berger Blanc Suisse (Pastore Svizzero Bianco, in breve BBS). Non sarà facile per chi conosceva già da tempo questa razza abituarsi ad usare il nome ufficiale, ma chiamarlo così è indispensabile per distinguerlo in modo netto e definitivo dal suo parente più prossimo e più diffuso, il Pastore Tedesco.
Al Pastore Svizzero è stato attribuito un nome francese perché la Svizzera ha presentato lo standard di razza alla FCI in questa lingua, mentre la nazionalità di provenienza è stata inclusa nel nome ufficiale durante la procedura di riconoscimento avviata nel 2001, per evitare eventuali equivoci con altre razze da pastore più conosciute.
Prima di arrivare al riconoscimento FCI, la razza è stata chiamata in vari modi.
- Pastore Tedesco Bianco, per riferirsi ai cuccioli bianchi nati da genitori più scuri.
- White Alsatian, derivante da Alsazia. Di conseguenza al Pastore Tedesco (e quindi anche al Pastore Svizzero) vennero attribuite origini francesi che non possedeva (in realtà il Pastore Tedesco è frutto di una attenta e accurata selezione effettuata in Germania tra diverse razze di cane da pastore come indicato più sopra in questo articolo).
- Pastore Canadese, altro escamotage al quale si è ricorsi per definire il Pastore Svizzero. Nome ancora molto usato, proprio in territorio svizzero, legato alla forte diffusione che la razza ha conosciuto in Canada. In Canada è stato usato con ottimi risultati come cane da lavoro e da valanga.
I sostenitori del Pastore Svizzero di tutto il mondo hanno lottato molti anni perché la comunità cinofila internazionale riconoscesse dignità e valore a questa razza.
I primi club videro la luce già negli anni Settanta. Nel 1991 con il primo standard di razza (non ufficiale) fu scelto semplicemente il nome di Pastore Bianco.

Alcune date importanti nella storia della razza

1882: All'esposizione di Hannover viene presentato un Pastore Bianco, di nome Grief. Secondo la documentazione è il primo Pastore Bianco ad aver partecipato ad una competizione.
1891-1894: La società cinofila Phylax Society incrocia varie linee di sangue di cani da pastore per migliorare la razza. Nel farlo utilizza alcuni soggetti provenienti dal Nord della Germania, dal mantello completamente bianco.
1899: Il capitano Max von Stephanitz compra Hektor Linksrhein (che ribattezzerà Horand von Grafrath) e, attraverso diversi incroci, ottiene i primi soggetti di quella che sarà, poi, la razza Pastore Tedesco.
Horand possedeva, nella sua linea di sangue, geni recessivi bianchi che trasmise ai suoi discendenti.

Il XX secolo

1912: Ann Tracy, di New York, fonda uno dei primi importanti allevamenti di Pastore Tedesco. Lo fa importando dalla Germania una delle coppie più belle di quel periodo.
1917: Il Kennel Club americano registra il primo Pastore Bianco d'America (dell'allevamento di Ann Tracy).
Il suo cane Stonihurst Edmond genera dei cuccioli bianchi che si diffonderanno in Canada e Stati Uniti.
1920: H. N. Hanchett di Minneapolis (Minnesota) diventa il primo imprtatore e allevatore americano del Pastore Bianco.
1921: Von Stephanitz pubblica la sua grande opera sul Pastore Tedesco. In questa testo include una foto del celebre Berno von d. Sneewiese; diretto discendente di Horand.
1947: Viene pubblicato l'importante libro sul Pastore Tedesco "The complete German Shepherd". Il libro include l'immagine di un Pastore Bianco proveniente dal nord della Germania.
anni '60: La crescente popolarità del Pastore Bianco (definito Pastore Tedesco Bianco) si sviluppa. Ciò porta all'aumentare dell'attrito tra gli allevatori di Pastori Bianchi e quelli di Pastori Tedeschi. Ciò porterà al rifiuto del Pastore Tedesco di "pelo bianco" e all'inizio della campagna per escluderlo dallo standard di razza.
1964: In California nasce il primo White Shepherd Dog Club mondiale per proteggere gli interessi della razza.
9 aprile 1968: L'American Kennel Club, in accordo con le raccomandazioni del German Shepherd Dog Club of America esclude i Pastori Tedeschi a pelo bianco dalle esposizioni, ma permette comunque di registrarli all'AKC.
1970: Esce il libro The invincible White Shepherd, il primo libro pubblicato al mondo sui Pastori Bianchi.
La Svizzera Agatha Burch importa dagli Stati Uniti il maschio Lobo e lo fa registrare in Svizzera. Lobo, nato il 15 giugno 1966.
1973: In Canada, il gruppo di estimatori del Pastore Bianco, The White Shepherd Club of Canada, assume responsabilità nazionali.
Sotto l'affisso Shangrila's vengono registrati quattro cuccioli bianchi di Lobo e Blinkbonny's Lilac.
1980: Il Kennel Club canadese fa ricorso al German Shepherd Dog Club of Canada per escludere i cani a pelo bianco dall'esposizione.
1981: In risposta a centinaia di lettere il CKC (Canadian Kennel Club) rifiuta di escludere il Pastore Tedesco Bianco dalle gare ritenendolo idoneo alle esposizioni.
1989: In Svizzera nasce il club di razza Associazione Pastori Bianchi (GWS, Gesellschaft Weiße Schäferhunde Schweiz).
1991: La GWS viene accolta dall'associazione Svizzera SKG (Schweizerische Kynologische Gesellschaft), che elabora uno Standard di Razza provvisorio. Con la pubblicazione di detto Standard la FCI riconosce, per prima e solo a livello nazionale, la nuova razza Pastore Bianco.

Il XXI secolo 

2001-2002: Nell'agosto 2001 la Svizzera presenta la domanda di riconoscimento della razza congiuntamente allo Standard di Razza alla FCI.
Il 26 novembre 2002 la FCI pubblica lo standard n. 347 in lingua francese, con il nome di Berger Blanc Suisse.
2006: Nasce in Italia il Club Italiano del Pastore Svizzero.

Sei curioso di ampliare le tue conoscenze sul Pastore Svizzero?

Mi fa molto piacere!

Lasciami la tua email così riceverai puntualmente tutte le novità riguardo alle nuove pubblicazioni!

Segui il mio profilo Facebook e condividi con i tuoi amici gli articoli che ti sono sembrati interessanti!

Please follow and like us:

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con altri!

Facebook
Pinterest
Flickr
Instagram
EMAIL
Google+
http://youkysgift-pastoresvizzero.com/storia">
Twitter
RSS
YouTube